Home 2020

Liminale

Open call per 6 danzatori maggiorenni della regione Umbria (situati ovunque nel mondo)
Scadenza 19 maggio 2020

Workshop + residenza creativa digitale condotti da ALICE GOSTI
25 maggio – 9 luglio 2020

La danza e la performance sono arti che nascono dall’aggregazione. Ci si aggrega per imparare e per andare a lezione, per fare le prove, ripetere e perfezionare. Ci si aggrega durante il processo creativo. E ci si aggrega per assistere agli spettacoli e le presentazioni pubbliche. Un’essenza fondamentale delle arti performative è la loro capacità di portarci insieme nello stesso spazio e nello stesso tempo. Ma in questo momento storico complicato l’ostacolo è proprio il non potersi aggregare. Cosa possiamo fare? Possiamo fare tantissimo.

C’è un nuovo mondo a portata di mano tutto da scoprire e interpretare alla luce della nuova condizione sociale che stiamo vivendo. Ed è per questo che nasce LIMINALE, un innovativo percorso basato sulla sperimentazione necessaria a creare performance digitali all’interno della propria abitazione come nuovo scenario performativo.

Come utilizzare gli spazi in cui ci troviamo confinati in quarantena come spazi creativi che ci possono ispirare? Come possiamo vedere questi spazi come trampolini di lancio verso nuove idee e nuovi progetti?
Attraverso due diverse fasi, un workshop e una residenza artistica – entrambe su piattaforma digitale ZOOM – si lavorerà sul concetto di site-specific e su una nuova idea di contatto e di relazione.

Prima fase del lavoro

Workshop

Il workshop sarà seguito da 16 danzatori e performer professionisti. I sei danzatori umbri scelti tramite la call si affiancano a 1 danzatore individuato da ogni soggetto partner di HOME (Art Garage, Anghiari Dance Hub, Casa Luft Zerogranmmi, Korespondance Festival Praga, Choreographic Series Sofia, ChoreoLab Manchester), e 4 danzatori americani della compagnia di Alice Gosti.

Gli incontri si terranno due volte alla settimana, il lunedì e giovedì dalle 18 alle 20, per 3 settimane.
Il workshop si terrà da lunedì 25 maggio fino a giovedì 11 giugno 2020.

Il lavoro si presenterà come momento di studio, ricerca e condivisione di processi creativi condotti e diretti da Alice Gosti.

Gli incontri saranno principalmente basati sul concetto di lavoro site-specific. Le case, le stanze, tutti gli spazi possibili saranno trasformati in spazi creativi.

Fasi dello studio (non in ordine temporale):

  • Analisi dello spazio in cui ci troviamo come geometria e dal punto di vista di spazio, tempo, forma e motion/texture (ispirato dal metodo Nikolais)
  • Cambio di prospettiva
  • Approfondimento dello spazio (una stanza alla volta): Camera da letto, cucina, bagno, salotto, sala da pranzo, ufficio e giardino
  • Caratteristiche particolari ed uniche di uno spazio: scalinate, sottopalchi, sgabuzzini, entrate, atri, terrazze, balconi
  • Mobili
  • Spazio e memoria / Memoria e Spazio
  • Casa / Home
  • Appartenere / non Appartenere
  • Capire e lavorare con il frame e l’inquadratura. Momento di ricerca e studio sulla storia della video danza
  • Unisono. Può esistere lo strumento coreografico dell’unisono quando siamo lontani? Questo sara uno studio fatto in piccoli gruppi.
Seconda fase del lavoro

Residenza artistica digitale

Alla fine della prima fase del lavoro verranno selezionati 6 performer per continuare il progetto svolto in forma di residenza digitale.

Gli incontri si terranno 2 volte a settimana, il lunedì e giovedì dalle 18 alle 21 per 4 settimane. La residenza inizierà lunedì 15 giugno e terminerà giovedì 9 luglio 2020.

I risultati della residenza vengono condivisi con il pubblico via social.

  • Ciascuno degli 6 performer crea un assolo, che viene poi documentato e filmato come opera singolare. Creando così 6 diversi assoli.
  • Creazione di un video che mette insieme tutti i lavori creati dai performer come prodotto corale
  • Evento in live streaming
  • Distribuzione all’interno di Korespondance Festival 14-16 agosto 2020

Come partecipare

La selezione

Per partecipare al progetto LIMINALE è necessario inviare, entro e non oltre il 19 maggio la propria candidatura.

E’ necessario compilare una richiesta di iscrizione con i propri dati, una liberatoria firmata per l’utilizzo dei propri dati e immagine ed inviarli insieme alla propria biografia professionale, e una lettera motivazionale all’indirizzo mail info@dancegallery.it

I risultati saranno comunicati ai partecipanti entro il 22 maggio 2020.

I partecipanti alla seconda fase di residenza saranno scelti da Alice Gosti al termine del workshop.

Condizioni Economiche

Ogni artista selezionato riceverà, per la prima fase, una borsa di studio del valore omnicomprensivo di 200 euro.
Gli artisti che continuano nella seconda fase stipulano un contratto di residenza e ricevono un compenso lordo di 500 euro.

Per informazioni:

Tel. +39 338 2345901

Email: info@dancegallery.it

Le foto di questa pagina:
© Andrea Medri
© Perpetual Vessels by Alice Gosti e June Zandona

ALICE GOSTI

LIMINALE è un progetto di residenza curato da Alice Gosti, coreografa, regista, artista performativa ibrida italoamericana – dal 2008 svolge la sua attività artistica tra Seattle (USA) e l’Europa- , sostenuto da HOME | Centro Creazione Coreografica, la prima residenza artistica in Umbria interamente dedicata alla danza creata nel 2018 dall’Associazione culturale Dance Gallery.

Alice Gosti è una coreografa, regista, artista performativa ibrida, curatrice, DJ ed architetta di esperienze nata in Italia, e che lavora tra Seattle (USA) e l’Europa dal 2008. Gosti ha ricevuto numerosi premi, commissioni, e residenze per le sue opere ed il suo percorso artistico.

Nel 2012 riceve il premio Vilcek Creative Promise in Dance, nel 2012 viene invitata a ImPulsTanz con la prestigiosa borsa di studio danceWEB, nel 2015 viene scelta come Regista per l’edizione inaugurale del Intiman Emerging Artist Program, nel 2015 viene commissionata la creazione di un nuovo progetto Velocity’s 2015 Made in Seattle Program e ricevette NEFA’s National Dance Project nel 2016.

Nel 2017 Alice Gosti è una delle prime vincitrici del bando Italian Council indetto dalla Direzione Generale arte e architettura contemporanee e periferie urbane del MiBACT nato con il preciso compito di promuovere la produzione, la conoscenza e la disseminazione della creazione contemporanea italiana nel campo delle arti visive.

Le opere di Gosti sono state commissionate e presentate a livello nazionale ed internazionale ad università, teatri, gallerie e musei. Dance Magazine ha definito le creazioni di Gosti come “unruly yet rigorous, feminine yet rebellious, task-like yet mischievous.”